Tossicità di vitamina k2

La vitamina K consiste di due vitamine liposolubili, vitamina K-1 e K-2, che hanno strutture e funzioni simili. La vitamina K-2, o menaquinone, può essere sintetizzata nel tuo corpo dalla vitamina K-1 e utilizzata per diverse reazioni biochimiche, come mantenere la resistenza ossea e promuovere la coagulazione del sangue o la coagulazione. Non esiste alcuna tossicità nota per una delle due forme di vitamina K, ma alcuni effetti collaterali possono ancora essere associati alla sua integrazione. Consultare il proprio medico prima di utilizzare un integratore contenente vitamina K-2.

Reazione allergica

Anche se rari, alcuni individui possono verificarsi una reazione allergica a menaquinone. Una reazione allergica alla vitamina K-2 si verifica quando il tuo corpo lo identifica in modo errato come tossina straniera e risponde aumentando i livelli di istamina nel flusso sanguigno. Una reazione allergica a menaquinone può causare orticaria, prurito grave, gonfiore del viso, del collo e della gola, difficoltà di respirazione e battito cardiaco irregolare. Una allergia della vitamina K-2 è considerata un’emergenza medica – se si sospetta una reazione allergica consultare immediatamente un medico.

Pressione sanguigna e coagulazione

La vitamina K può aumentare il volume del plasma del sangue, aumentando lo spessore del sangue. Se soffri l’alta pressione sanguigna o hai livelli elevati di volume del plasma nel sangue, la supplementazione di vitamina K-2 può aumentare il rischio di sviluppare ipertensione e malattie cardiovascolari a causa di un sovra-addensamento del sangue. Consultare il medico per quanto riguarda la quantità di vitamina K accettabile da assumere se si dispone di farmaci per la pressione sanguigna o per i farmaci sanguigni.

Disturbo gastrointestinale

Gli effetti collaterali più comuni della supplementazione di vitamina K-2 comportano disturbi gastrointestinali dovuti all’incapacità del sistema digestivo di metabolizzare correttamente i supplementi di vitamina K. Alte dosi di supplementazione orale di vitamina K possono causare stomaco, nausea, diarrea, vomito, crampi persistenti allo stomaco e debolezza. Il rischio di sviluppare disturbi gastrointestinali con supplementi di vitamina K diminuisce quando il supplemento viene preso entro le linee guida raccomandate. Prendendo vitamina K con quantità adeguate di acqua può anche ridurre il rischio di effetti collaterali digestivi.

Interazioni farmacologiche

Secondo l’Università di Maryland Medical Center, i supplementi di vitamina K possono avere interazioni avverse con alcuni farmaci e farmaci. Alcuni antibiotici possono interferire con l’assorbimento della vitamina K, che può causare una carenza di vitamina K. Il warfarin, un farmaco di sangue sottile, può essere influenzato dalla supplementazione di vitamina K. Gli integratori di vitamina K possono anche interferire con alcune perdite di peso e farmaci per abbassare il colesterolo, come Orlistat, Olestra e sequestranti di acido biliare.