Quali sistemi del corpo funzionano con i reni?

Quando i pazienti sono prima diagnosticati con malattie renali, spesso sono sopraffatti dalla pura quantità di informazioni che devono imparare. La malattia renale è complicata perché la diminuzione dei reni interessa molti sistemi diversi del corpo e può provocare problemi di ipertensione, anemia e ossa. Questi problemi vanno ben oltre la filtrazione del sangue, che è una delle funzioni principali del rene.

Caratteristiche

La caratteristica principale dei reni sono le varie strutture vascolari da cui sono fatte. La complicata rete di vene, arterie e capillari che portano il sangue sono tutti parte del sistema vascolare. Gran parte del tessuto dei reni è costituito da arterie e capillari, come l’ampia arteria renale che porta il sangue ai reni ei piccoli capillari chiamati glomeruli che filtrano il sangue.

Expert Insight

Secondo gli Istituti Nazionali di Diabete, Malattie del Digestivo e del Rene, i pazienti con malattie renali avanzate sono spesso anemiche perché i loro reni spaventati perdono la loro capacità di lavorare efficacemente con il sistema endocrino: il sistema endocrino si riferisce alla raccolta di messaggeri chimici chiamati ormoni Che vengono rilasciati nel flusso sanguigno. I reni sono anche parte del sistema endocrino perché rilasciano un ormone chiamato erythropoitin – EPO abbreviato – che è responsabile della trasformazione dei reticulociti in sangue di erbe mature che portano il sangue. Gli iniezioni regolari di EPO sintetico possono essere molto utili per il rene anemico pazienti.

Più esperto Insight

Il Family Practice Notebook spiega che il sistema renina-angiotensina (RAS) fa parte del sistema endocrino coinvolto nella regolazione della pressione sanguigna. I reni secernono un enzima chiamato renina, che converte l’angiotensina all’angiotensione I, che a sua volta viene convertita in angiotensina II. L’angiotensina II è direttamente coinvolta nella regolazione della pressione sanguigna: quando i reni diventano arrossati, sente meno sangue che scorre attraverso di loro, in modo da secernere più renina, che a sua volta provoca una maggiore produzione di angiotensina II. L’angiotensina II colpisce i vasi sanguigni, causando un aumento della pressione sanguigna: poiché l’ipertensione distrugge la malattia renale, il coinvolgimento del RAS crea un ciclo vizioso che può essere difficile da controllare.

Ormone paratiroideo

Livelli elevati di fosforo nei pazienti renali inducono indirettamente il sistema scheletrico a divenire indebolito: i reni compromessi perdono la capacità di rimuovere il fosforo dal sangue che provoca l’aumento dei livelli di fosforo sierico. Poiché il fosforo è coinvolto nella regolazione del calcio, i livelli elevati di fosforo nel sangue causano il calo del calcio. Se i livelli di calcio scendono, le ghiandole paratiroide nel collo secernono l’ormone paratiroideo che tira il calcio dalle ossa per compensare. Questo indebolisce gradualmente e in silenzio le ossa. L’Istituto Nazionale del diabete, digestivo e malattie renali spiega che gli effetti della malattia renale sul sistema scheletrico sono chiamati osteodistrofia renale.

Monitoraggio e trattamento

Indipendentemente dal fatto che coinvolgano l’ipertensione, la forza ossea, l’anemia o qualcos’altro, i sintomi causati da insufficienza renale sono gestiti da un nefrologo. Il nefrologo monitora la pressione sanguigna, i conteggi dei globuli rossi, i livelli di fosforo, i livelli ormonali del paratiroide e altri aspetti della malattia renale. Il mantenimento di una stretta relazione con il nefrologo è fondamentale affinché i problemi siano identificati e trattati in modo appropriato a prescindere da quale sistema del corpo si tratti.