Qual è la differenza tra un broker e un concessionario?

Il mercato azionario è un’entità finanziaria complessa composta da molte aziende e partecipanti diversi. Brokers, rivenditori e broker-commercianti costituiscono una gran parte dell’attività del mercato azionario. I mediatori e i commercianti impegnano il pubblico e sono spesso un intermediario tra gli investitori e il mercato azionario. Queste aziende aprono le porte per quasi chiunque di possedere azioni.

Mercato azionario

Il mercato azionario è un’asta pubblica di grandi dimensioni che vende azioni in società. Quando una società va pubblica, emette azioni che rappresentano la percentuale di proprietà nella società. Queste azioni commerciano su uno scambio pubblico per chiunque comprare. Lo scambio può essere un piano di trading in diretta, come la Borsa di New York (NYSE) o un mercato elettronico, come il Nasdaq, ma il meccanismo d’asta è al centro di tutte le transazioni azionarie. I prezzi delle azioni sono influenzati dai rapporti di offerta e di domanda.

Coinvolgimento pubblico

Mentre chiunque può acquistare azioni, pochi sono effettivamente in grado di camminare in una borsa valori e di acquistare azioni direttamente. Allo stesso modo, un investitore non può avvicinarsi direttamente ad un’azienda per acquistare azioni proprie. Altre imprese devono interagire con la borsa valori per conto del pubblico. I mediatori e i concessionari sono le imprese primarie che lo compiono. Hanno accesso diretto al mercato azionario e usano questo accesso a trarre profitto dal servizio di far partecipare il pubblico.

Brokers

Il servizio primario di un broker è quello di acquistare e vendere titoli di scambio per i membri del pubblico investitore che vogliono possedere una parte di un’azienda. Quando qualcuno decide di partecipare al mercato azionario, un broker è di solito il primo posto dove vanno. È stato creato un account per il cliente attraverso il quale esegue le scorte. Il broker accetta ordini di magazzino dal cliente e li esegue direttamente sullo scambio. Un’attività che si occupa esclusivamente di servizi di intermediazione interagisce con il mercato azionario solo per i suoi clienti. Ogni transazione effettuata influisce sull’account di un cliente. Per questo motivo, un broker è spesso indicato come un “agente”.

Rivenditori

Un concessionario del mercato azionario commercia azioni sotto il proprio nome. L’attività stessa mantiene le aziende azionarie che non sono nel nome di alcun cliente. Il concessionario può effettivamente essere un cliente di un altro broker, in modo da commerciare tali stock per conto proprio. Tuttavia, a differenza di un “commerciante”, che mantiene il proprio conto con un broker che non interessa nessun altro, un “dealer” può utilizzare il proprio portafoglio per offrire servizi al pubblico. “Market makers” sono commercianti che continuano a comprare o vendere determinati titoli dal pubblico, utilizzando le proprie partecipazioni per queste transazioni. Pertanto sono in attività di negoziazione di titoli indipendenti da uno scambio.

Broker-dealer

Molte aziende si impegnano sia nelle operazioni di intermediazione che di rivendita, che li rendono commercianti di broker. I titoli che queste società effettuano per il pubblico possono venire direttamente da uno scambio o dalle proprie società. Ciò dipende dal modello di business dell’azienda e dal tipo di transazione eseguita. La maggior parte dei mediatori noti sono broker-rivenditori. Questo offre flessibilità che spesso aiuta i clienti. Tale società può vendere le proprie partecipazioni al cliente che può aumentare il tempo di esecuzione poiché l’ordine non è effettivamente posto allo scambio.