Perché il corpo ha bisogno di più ossigeno quando eseguiamo?

Quando esercitate, aumenta la frequenza respiratoria. Questo è vero indipendentemente dal fatto che eserciti con metodi stazionari come il sollevamento pesi, o da un metodo di viaggio come jogging o biking. Chiaramente, un corpo attivo ha bisogno di più ossigeno di un corpo a riposo. La ragione di questo è il complesso processo chimico nei muscoli e nel flusso sanguigno.

Il corpo ha bisogno di ossigeno in ogni momento. L’ossigeno e il glucosio sono i blocchi di base di energia del tuo corpo. Esso richiede loro di fare il vostro cuore pompare sangue, per mantenere i polmoni inalando ed espirando e per consentire a ogni altro organo e cellule di funzionare. Ognuna di queste attività utilizza l’energia che deve essere sostituita in parte assumendo più ossigeno. Quando esercitate, i muscoli si muovono più energicamente di quando si è a riposo. Il loro tasso metabolico aumenta. Hanno bisogno di più energia, in modo da produrre più della molecola di energia chimica ATP. Hai bisogno di ossigeno per produrre ATP, per cui più ATP che produce, più ossigeno richiede il tuo corpo.

L’ossigeno raggiunge i muscoli e le altre parti del corpo tramite il flusso sanguigno. L’ossigeno si dissolve nel plasma, dove la maggior parte di esso – circa 98,5 per cento, secondo le informazioni provenienti dalla Eastern Kentucky University – si attacca alle molecole di emoglobina. Mentre stai riposando, solo il 20 al 25 per cento delle molecole dell’emoglobina dà l’ossigeno ai tuoi tessuti. Un sacco di ossigeno rimane nel sangue nella riserva. Quando si inizia ad esercitare, si utilizzano queste riserve e la saturazione dell’emoglobina di ossigeno nel flusso sanguigno scende bruscamente. È necessario assumere più ossigeno per compensare questa perdita e soddisfare la crescente necessità di ossigeno del corpo.

La pressione parziale dell’ossigeno, o PO2, si riferisce alla pressione individuale esercitata dall’ossigeno in una miscela di gas o sostanze. Mentre l’ossigeno lascia il flusso sanguigno e entra nei tuoi tessuti, il tuo flusso sanguigno PO2 scende. A livelli più bassi di PO2, i vostri globuli rossi fanno più di una sostanza chiamata 2,3-difosfoglicerato. L’aumento della presenza di questa sostanza aiuta a alterare la struttura dell’emoglobina in modo tale da rendere più facilmente il suo ossigeno.

Il rilascio più veloce di ossigeno emoglobina, altrimenti descritto come un livello di saturazione dell’ossigeno-emoglobina ridotto, è incoraggiato da altre condizioni in un corpo di esercitazione. Mentre i muscoli fanno extra ATP, l’unità base di energia, producono anche prodotti di scarto. Questi sono principalmente biossido di carbonio, o CO2, e ioni idrogeno, o H +. Christian Bohr ha scoperto nel 1904 che aumentate concentrazioni di queste sostanze incoraggiano l’emoglobina per rilasciare molecole di ossigeno. Questo principio, l’effetto Bohr, rende facile l’esercizio dei muscoli e di altri tessuti attivi per estrarre l’ossigeno dal flusso sanguigno in quantità più elevate, ma significa anche che è necessario ricostituire molto rapidamente le vostre forniture di ossigeno.

Aumento delle esigenze energetiche

Diminuzione delle riserve di ossigeno nel sangue

Diminuzione della pressione parziale

L’effetto Bohr