La formazione che ci vuole per essere una ginnasta

Lo sport della ginnastica richiede grande flessibilità, agilità e forza. Le competenze richiedono tipicamente anni per padroneggiare. Per raggiungere l’echelon superiore della ginnastica maschile e femminile – competizione regionale, collegiale, nazionale e internazionale – gli atleti devono allenarsi tutto l’anno. Le ginnastiche che iniziano lo sport ad una giovane età spesso sviluppano le abilità atletiche necessarie praticando le abilità. Le ginnastiche che arrivano allo sport in età avanzata potrebbero essere in grado di condizionare i loro corpi per partecipare allo sport. Nella ginnastica maschile, la forza del muscolo superiore del corpo e del corpo è particolarmente importante nel cavallo di pommel e negli eventi di anelli.

Formazione per la prima ginnastica

Le ginnastiche, soprattutto le ragazze, tendono a ginnastica in giovane età. Le lezioni di principiante per i bambini in età prescolare caratterizzano tumbling su stuoie e trampolini. Le classi a livello di insegnamento insegnano movimenti fondamentali come il rotolo di andata, il rotolo all’indietro, il carrello, il telaio, il ponte e la curva posteriore. Tale istruzione insegna “la consapevolezza dell’aria, sapere dove il proprio corpo è, cosa sta facendo in ogni momento”, dice Jami Sharp, direttore del programma competitivo per Black Diamond Ginnastica e Centro Sportivo a South Jordan, Utah, nel suo video istruzione iSport.

Avanzamento nello sport

Dopo che i ginnasti dominano i movimenti di base e guadagnano flessibilità, iniziano a formarsi su apparecchi come il fascio di bilanciamento e le barre. I ragazzi tendono a rendere più facile la transizione. “Le abilità di ginnastica molto difficili sono più facilmente imparate e molto meglio apprese ad una età minore, diciamo 8-11 anni”, ha scritto John Howard nel suo sito web, GymnasticsZone.com. “Le ginnaste più giovani, di solito, non hanno alcuna paura di fare competenze di ginnastica e si adattano più facilmente ai regimi di allenamento duro”. Le ginnastiche che si spostano verso livelli più alti di competizione affrontano carichi di lavoro di formazione sempre più rigorosi, magari ampliati dalla formazione di resistenza.

Le richieste della ginnastica competitiva

Ginnaste competenti possono praticare e / o competere più volte alla settimana. Le ginnasti di Elite fanno la vita sportiva. In una pubblicazione per pediatri e genitori, l’American Academy of Pediatrics ha avvertito che “le lunghe ore, la partecipazione a tutto l’anno, la frequente concorrenza, la pressione per aumentare le abilità, l’impegno finanziario dei genitori e l’isolamento sociale possono portare a una formazione,” burnout ” in giovane età.”

Ginnastica e maturità fisica

Come ginnasti maschi maturano fisicamente, possono aggiungere la forza muscolare necessaria per padroneggiare le competenze più impegnative come gli anelli e il cavallo di pommel. Mentre le ginnaste femminili maturano, possono aumentare il peso che limita la loro capacità di eseguire acrobazie di alto volo. Tendono a culminare competitivamente ad un’età molto più giovane. Le ginnaste femminili affrontano anche i rischi medici, come avverte l’Accademia Americana di Pediatria: “A causa dell’enfasi sulla sottigliezza, i disturbi alimentari come l’anoressia e la bulimia sono comuni ma spesso ignorati o non riconosciuti: Athlete Triad femminile, combinazione di disordine alimentare, disfunzione mestruale E l’osteoporosi, è più comune nella ginnastica rispetto ad altri sport “.

Una formazione adeguata è necessaria per limitare le lesioni, perché la ginnastica può assumere un enorme pedaggio sul corpo. Il polso, gomito, spalla, schiena, ginocchio, caviglia e infortuni al piede sono comuni tra le ginnastiche competitive. Le ginnastiche dovrebbero progredire ad un tasso ragionevole, evitare l’over-training e lavorare sotto supervisione esperta.

Il pedaggio fisico della ginnastica