Cosa succede ai vasi sanguigni quando esercitate?

Quando esercitate, molti cambiamenti fisiologici avvengono per assicurarsi che i muscoli abbiano abbastanza ossigeno per fare il loro lavoro. I vasi sanguigni sono in grado di allargarsi e limitare per reindirizzare il flusso di sangue ossigenato ai muscoli che esercitano. L’esercizio fisico migliora la salute vascolare, ma i vasi malsani possono diventare restringuti o bloccati dalla placca, impedendo il flusso sanguigno al tuo cuore e metterti a rischio il dolore toracico o addirittura l’arresto cardiaco.

Durante l’esercizio, i muscoli hanno bisogno di ossigeno per abbattere i grassi e i carboidrati per l’energia. Per fare spazio all’ossigeno fresco, i muscoli rilasciano sottoprodotti come l’adenosina e l’anidride carbonica, che inducono i vasi sanguigni in quella zona a dilatarsi o ampliare, un processo chiamato vasodilatazione. Questa vasodilatazione consente di trasportare più sangue ossigenato ai muscoli. In un corpo sano, la vasodilatazione avviene nei vasi sanguigni coronari che circondano il tuo cuore, nella tua pelle e nei vasi sanguigni dei muscoli.

Quando si esercita, un modo per aumentare la domanda di ossigeno nei muscoli che esercitano è reindirizzare il sangue dai tessuti inattivi del tuo corpo, come il tuo addome e i reni. Il tuo sistema nervoso simpatico, parte del sistema cerebrale e del midollo spinale, stimola i vasi sanguigni nel tessuto non attivo per restringere o ridurre il flusso sanguigno a questi tessuti. Il flusso sanguigno viene poi ridistribuito ai tuoi muscoli attivi.

Si può chiedere come il sistema nervoso simpatico possa solo controllare i vasi sanguigni dei tessuti non essenziali per restringersi lasciando i vostri muscoli di lavoro incontaminati. La risposta simpatica provoca una vasocostrizione diffusa in tutto il tuo corpo. Tuttavia, i sottoprodotti chimici prodotti dai vostri muscoli di lavoro superano questa risposta se necessario. Una relazione del 2004 pubblicata sul “Journal of Physiology” dimostra che i sottoprodotti circolanti svolgono un ruolo nella regolazione della distribuzione dell’ossigeno inducendo la vasodilatazione e sferzando l’attività sinergica del vasocostrittore. La formazione di resistenza regolare migliora l’efficienza nella regolazione del flusso sanguigno.

Nelle persone con condizioni quali la malattia cardiaca o vascolare, i vasi sanguigni possono non rispondere adeguatamente durante l’esercizio fisico. Ad esempio, se si dispone di un blocco in uno o più vaso cardiaco, la vasodilatazione potrebbe essere compromessa, rapinando il muscolo cardiaco di sangue ossigenato e causando probabilmente sintomi come il dolore toracico. Allo stesso modo, la malattia vascolare periferica può causare lesioni nei vasi sanguigni delle membra, impedendo una perfetta perfusione o un flusso sanguigno. Per ovviare a queste condizioni, i medici possono prescrivere farmaci chiamati vasodilatatori che espandere artificialmente le tue vasi. Anche procedure chirurgiche più invasive possono essere un’opzione.

Muscolo e Flusso

Stringere

Balancing Act

Meltdown del sistema